Denuncia choc, due ragazze Usa: "Violentate da carabinieri in servizio a Firenze"

08 settembre 2017 ore 8:26, Giuseppe Tetto

Due ragazze statunitensi sarebbero state violentate da due carabinieri in servizio. La scioccante accusa è riferita a fatti che sarebbero avvenuti la notte di mercoledì a Firenze. A raccontare la loro versione dei fatti le due ragazze che la mattina successiva hanno chiamato la polizia per denunciare gli uomini. Il loro racconto è adesso al vaglio degli investigatori della squadra mobile, che hanno subito sequestrato i vestiti indossati al momento del fatto. “Ci hanno offerto un passaggio in auto, ci hanno accompagnato a casa. Poi ci hanno violentato”. È questa la versione delle giovani  e quando hanno rivelato che i violentatori erano due carabinieri, all’interno dell’ufficio di polizia c’è stato sbigottimento: “Sì, sono stati due carabinieri, erano in divisa, a bordo di un’auto blu con la scritta Carabinieri alle portiere e il lampeggiante”.

I FATTI Secondo quanto raccontato dalle ragazze, avrebbero incontrato i due militari fuori da una discoteca e sarebbero state accompagnate a casa con l’auto di servizio. Subito dopo sarebbe scattata la violenza. I due carabinieri denunciati, a quanto risulta, sarebbero intervenuti - insieme ad altre pattuglie - in seguito ad una chiamata per disordini scoppiati la notte scorsa nei pressi della discoteca Flò a piazzale Michelangelo. Fuori dal locale erano presenti anche le due giovani. Le due ragazze hanno sempre riconosciuto i due uomini come carabinieri anche dopo una serata passata a bere nei locali notturni del centro cittadino, poiché entrambi sarebbero stati in divisa. La mattina seguente  hanno contattato il 113 raccontando l’accaduto. Entrambe sono state portate in ospedale per gli accertamenti del caso. In base a quanto emerso, il racconto reso dalle giovani in un primo momento sarebbe stato lacunoso, e per questo la procura di Firenze avrebbe deciso di riascoltarle.

caricamento in corso...
caricamento in corso...