Foggia, rogo al "Ghetto dei Bulgari": atroce morte nel sonno di un ventenne

09 dicembre 2016 ore 16:23, Americo Mascarucci
Un ragazzo di 20 anni è morto carbonizzato in un violento incendio che si è sviluppato nella notte all'interno del cosiddetto 'Ghetto dei Bulgari', l'insediamento di baracche che si trova in località Pescia, 
Il giovane stava dormendo ed è rimasto intrappolato nella propria baracca raggiunta dalle fiamme. 
ono andate distrutte una ventina di rifugi costruiti con plastica, cartoni, metalli e dove vivono circa 300 bulgari, 100 dei quali sono bambini. 
Si tratta di persone impegnate nei campi, maggiormente nella raccolta di prodotti ortofrutticoli. 
Il campo nomadi è sorto da otto anni nelle immediate vicinanze dell'inceneritore di Borgo Tressanti.
Foggia, rogo al 'Ghetto dei Bulgari': atroce morte nel sonno di un ventenne
Ancora da accertare cosa abbia innescato l'incendio, divampato poco prima delle 2.

Tre le ipotesi in campo:
Un cortocircuito provocato dai precari fili dell'elettricità, una stufa malfunzionante, o terza ipotesi che il fuoco possa essere stato appiccato da un ospite del campo in stato d'ebbrezza. Ipotesi questa che sembrerebbe suffragata da alcune testimonianze.
Resta da capire se, qualora questa ipotesi risultasse concreta, l'uomo ha appiccato l'incendio per errore o volontariamente, seppur sotto l'effetto dell'alcol. 
Ma è tutto da verificare
Gli uomini del 115 hanno lavorato per circoscrivere le fiamme e procedere alla bonifica del sito. 
I carabinieri hanno aperto un'inchiesta. E' questo il secondo incendio in pochi giorni che avviene nei ghetti che nel Foggiano ospitano i migranti. Circa l'80% delle baracche è andato distrutto.

caricamento in corso...
caricamento in corso...