Twitter non cambia l'algoritmo e l'ordine dei tweet è salvo

09 febbraio 2016 ore 17:09, Lucia Bigozzi
I fedelissimi dei “cinguettii” online non l’avevano presa benissimo. Anzi, i rumors sull’eventualità che Twitter si avvicinasse in qualche modo al Facebook-style aveva provocato una reazione immediata: “cinquetii” di protesta, con la preoccupazione manifestata dagli utenti che l’ipotesi se attuata, rischiava di provocare la “morte” della piattaforma online. Ora è ufficiale: voci smentite direttamente dalla fonte, cioè Twitter. Più precisamente a dare un taglio alle voci che circolavano in Rete ci ha pensato l’amministratore delegato di Twitter in persona: Jack Dorsey, Ceo del social network ha contestato e smentito le indiscrezioni in base alle quali Twitter avrebbe cambiato l’ordine dei “cinguettii” da cronologico a quello basato sugli interessi degli utenti nella timeline, come è consueto fare “l’antagonista” Facebook. Smentita che Jack Dorsey ha messo nero su bianco e direttamente online: “Vorrei che tutti voi sapeste che siamo sempre in ascolto e che non abbiamo mai pianificato di riordinare la cronologia dei tweet la prossima settimana”. E la risposta era indirizzata al sito BuzzFeed che per primo aveva parlato dei rumors sul possibile cambio di modalità. 

Twitter non cambia l'algoritmo e l'ordine dei tweet è salvo
E proprio dopo che un rapporto pubblicato da BuzzFeed aveva riportato le indiscrezioni, gli utenti di Twitter si erano allarmati, manifestando subito la netta contrarietà. Non solo, ma tra gli utenti più attivi della piattaforma social c’è stato perfino chi si è spinto a minacciare di chiudere con Twitter; in altre parole di abbandonare il social network. Per sottolineare meglio il dissenso era stato creato anche l’hashtag #RipTwitter, con l’allusione-preoccupazione che se Twitter avesse mai optato per il cambiamento dell’ordine dei tweet , il social sarebbe “morto”. Così da venerdi scorso fino ad oggi quando ci ha pensato Jack Dorsey a tagliare la testa al toro una volta per tutte, visto che i tweet rassicurativi lanciati dopo l’uscita delle indiscrezioni non erano riusciti a calmare le acque. Al punto che le indiscrezioni erano andate avanti. Del caso si sono occupati anche i principali network: ad esempio, NBC News, citando fonti interne a Twitter, aveva affermato che il cambiamento dell’ordine basato su algoritmi “sarà opzionale e l’utente potrà scegliere di continuare a usare l'attuale sistema di ordine cronologico”. The Verge, invece, aveva detto di aver avuto la possibilità di verificare un’anteprima della nuova timeline potendo poi condividere i dettagli della novità. Ora i fedelissimi dei “cinguetii” possono tirare un respiro di sollievo. Stavolta, a “cinguettare” è stato direttamente il numero uno di Twitter. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...