Chieti, lo "tsunami" bianco è virale: la città sparisce avvolta dalla neve

09 gennaio 2017 ore 21:11, intelligo
L'ondata di maltempo non accenna a placarsi. Dopo una brevissima pausa, in serata si attendono nuovi peggioramenti. Tra le città più colpite c'è sicuramente Chieti, colpita da una vera e propria tempesta di neve. Le foto scattate nel capoluogo abruzzese stanno diventando virali e sono state condivise da migliaia di persone sui social network, in particolare un'immagine che ritrae una porta di casa completamente murata dalla neve. Una foto simbolo dell'ondata di maltempo di inizio 2017 che dà l'idea dei disagi patiti in questi giorni dalla provincia di Chieti, in particolare dalle località dell'entroterra. Anche il video che riprende l'arrivo dello "tsunami bianco" sta spopolando sul web.
Maltempo che non proseguirà nelle prossime ore, mettendo in grave difficoltà cittadini e agricoltori che vedono a rischio il lavoro di mesi, bruciato dal gelo.

Chieti, lo 'tsunami' bianco è virale: la città sparisce avvolta dalla neve
Situzione critica in particolare in Puglia e Basilicata ma anche nel Lazio i problemi sono gravissimi.
«Le temperature polari hanno provocato danni per milioni di euro alle aziende agricole che hanno perso le produzioni di ortaggi invernali, dai carciofi ai cavolfiori, ormai prossimi alla raccolta. - spiega David Granieri, presidente di Coldiretti Roma e Lazio - Il gelo, infatti, ha bruciato le piantine rese ancora più vulnerabili dall’improvviso sbalzo termico, dopo un dicembre che ha fatto registrare una temperatura superiore di 2.1 gradi rispetto alla media. Colpiti duramente anche gli agrumi, per i quali non sono bastati i cappucci di protezione. Immaginiamo di poter chiedere lo stato di calamità per questa situazione aggravata dalle difficoltà nei trasporti e nella consegna dei prodotti deperibili, dalle serre danneggiate sotto il peso delle neve, dalle condutture scoppiate per il freddo e dagli animali morti. Problemi enormi che diventano quanto mai drammatici nelle aree terremotate, a partire dalla zona di Amatrice che necessita con assoluta urgenza di moduli abitativi e stalle provvisorie».


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...