Affair banche, Vegas ammette: "Procedure rispettate, ma informazioni vanno semplificate"

09 maggio 2016 ore 16:46, Americo Mascarucci
"I prospetti dei bond subordinati delle banche fallite (Carichieti, Banca Marche, Banca Etruria e Cariferrara) sono stati redatti nel rispetto delle regole di trasparenza previste dalle norme sul prospetto informativo e hanno dato massima evidenza a tutti i fattori di rischio connessi alla complessità degli strumenti e alla situazione in cui versavano le banche, specificando anche il rischio di perdere l'intero capitale investito". 
E' quanto dichiarato da Giuseppe Vegas, presidente della Consob, nel suo discorso al mercato finanziario intervenendo sulle polemiche relative al fallimento delle banche e al salvataggio deciso dal Governo italiano:
"Le vicende relative alla liquidazione delle quattro banche non mettono in discussione la validità di fondo dei modelli di vigilanza sulla prestazione dei servizi d'investimento - ha spiegato il presidente Consob - il nostro modello di vigilanza è stato esaminato e positivamente valutato sia dal Fondo monetario internazionale, in occasione del Financial Assessment Program condotto sull'Italia nel 2013, sia dall'Esma, in occasione delle prassi di vigilanza sull'applicazione della Mifid". 
Tuttavia Vegas non nasconde la poca chiarezza che spesso si nasconde dietro i prospetti informativi e a tale scopo "ha annunciato l'avvio della consultazione di tre raccomandazioni a tutela dei risparmiatori".  
In particolare Vegas spiega Che "viene posta in consultazione una raccomandazione recante linee guida per definire e standardizzare i contenuti delle avvertenze per l'investitore, differenziate in relazione ai diversi strumenti finanziari e alle diverse tipologie di emittenti. Ne deriveranno informazioni più chiare, sintetiche ed esaustive sui principali fattori di rischio".

"Sempre con riferimento al profilo della trasparenza - aggiunge - viene oggi avviata una ulteriore consultazione sul mercato su un'altra raccomandazione contenente alcuni principi guida relativi alle informazioni chiave da fornire ai clienti al dettaglio nella distribuzione di prodotti finanziari. Ne deriva l'invito a standardizzare le informazioni alla clientela avvalendosi di apposite schede prodotto, redatte per rappresentare in modo chiaro e conciso le caratteristiche principali degli strumenti offerti, i loro rischi, i costi e i rendimenti attesi".

"Quale ulteriore misura di protezione degli investitori - ha concluso Vegas - è partita una terza raccolta di opinioni su una raccomandazione in tema di distribuzione degli strumenti finanziari attraverso la quotazione diretta su mercati regolamentari o su sistemi multilaterali di negoziazione, anzichè attraverso il tradizionale collocamento presso gli sportelli". 
Affair banche, Vegas ammette: 'Procedure rispettate, ma informazioni vanno semplificate'
Tuttavia Vegas ricorda che nel 2015 sono stati portati a compimento dalla Consob 268 procedimenti sanzionatori, dei quali 236 si sono conclusi con l'applicazione di sanzioni. L'importo complessivo delle sanzioni pecuniarie applicate, secondo quanto emerge dalla relazione annuale, è stato pari a circa 12,1 milioni di euro (rispetto ai 20,6 milioni di euro del 2014 a fronte di 160 procedimenti di cui 140 conclusi con l'applicazione di sanzioni). 

caricamento in corso...
caricamento in corso...