Nonna Peppina, Giorgia Meloni si appella a Mattarella: "Silenzio fa male"

09 ottobre 2017 ore 16:34, intelligo
"È proprio uno schifo. Sono una persona molto religiosa e prego per loro. Ma so’ stati tanto cattivi con me. Bestie. Proprio bestie" aveva detto nonna Peppina Fattori, che a 95 anni era stata portata via dalla sua baracchetta, un container di legno 2 metri per 5 e senza bagno. Ora è Fratelli d'Italia a scendere in campo. Anche se la legalità è sempre stata una bandiera di destra e nonostante qui si stia parlando di una casa abusiva, il problema della signora secondo Meloni è la burocrazia a generarlo e uno Stato incapace. 
Nonna Peppina, Giorgia Meloni si appella a Mattarella: 'Silenzio fa male'
"Nonna Peppina, che lascia la sua casetta in legno antisismica, è l'emblema dell'Italia che non funziona, di uno Stato incapace, affogato nella burocrazia, che non risolve i problemi ma li crea": è quanto chiede su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni per la vecchina più famosa del terremoto nel Centro Italia. 

"Nonna Peppina - prosegue Meloni - aveva rivolto un appello al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ma non ha mai ricevuto risposta. E questo silenzio fa male, forse ancora di più della burocrazia. Rivolgo personalmente un appello al Presidente Mattarella: risponda a nonna Peppina e la incontri perchè mai come in questo momento gli italiani hanno necessità di sapere che le Istituzioni sono dalla loro parte e non pensano solo alla politica del Palazzo, che neanche conosce i problemi dell'Italia reale", conclude la Meloni.

#meloni #nonnapeppina 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...