Alunno stende insegnante a terra con pugno: gli toglieva il cellulare

05 ottobre 2017 ore 15:07, Americo Mascarucci
Una storia che ha dell'incredibile. Un'insegnante ha rimproverato un alunno 14enne e per tutta risposta si è beccata dallo stesso un pugno in faccia che l'ha fatta finire a terra svenuta. La vicenda raccontata dall'Ansa, ma anche da alcuni quotidiani della Sardegna sarebbe avvenuta presso l’Istituto Alberghiero di Monserrato, in provincia di Cagliari. Il ragazzo pare sia stato sorpreso dalla docente intento ad usare lo smartphone durante l'orario di lezione e come è logico che avvenga l'insegnante lo avrebbe richiamato all'ordine togliendole di mano il cellulare. A quel punto il 14enne le avrebbe sferrato un pugno in faccia che le avrebbe fatto perdere l'equilibrio fino a farla cadere a terra dove sarebbe rimasta svenuta per alcuni minuti. Poi è arrivata l'ambulanza che ha trasportato l'insegnante al pronto soccorso per i dovuti accertamenti. Inevitabile anche l'intervento dei Carabinieri che in realtà erano stati già allertati dallo stesso istituto poche ore prima per un altro presunto episodio di violenza.
Alunno stende insegnante a terra con pugno: gli toglieva il cellulare

IL PRECEDENTE
Due ragazzini infatti all'ingresso della scuola, prima del suono della campanella di entrata, avrebbero iniziato a litigare fra di loro venendo alle mani. Alcuni insegnanti che stavano entrando a scuola li avevano però separati. Ma ecco che una volta rientrati i due sono tornati a picchiarsi nei corridoi dell'Istituto con una violenza tale da richiedere l'intervento dei Carabinieri. Due fatti di violenza dunque a poche ore l'uno dall'altro. 
La dirigente scolastica della scuola è senza parole e annuncia severi provvedimenti per entrambi gli episodi: "Nel nostro Istituto non erano mai avvenuti episodi di tale gravità – ha spiegato all'Ansa – abbiamo convocato gli organi collegiali per prendere i dovuti provvedimenti. La nostra è sempre stata una scuola tranquilla". fino ad oggi forse. 
Vicenda quella dell'aggressione all'insegnante che riapre il dibattito sulla sicurezza dei docenti. Non è infatti il primo caso di insegnanti aggredite dagli alunni o peggio ancora dai loro genitori infastiditi dal voto negativo o da un rimprovero fatto ai loro figli. Che deve fare l'insegnante? Rinunciare al suo ruolo educativo? Lasciare che gli alunni trasgrediscano le regole? Far finta di nulla? Alcuni docenti sarebbero esausti e si sentirebbero privi degli strumenti minimi per poter lavorare, impotenti di fronte alle prepotenze di alunni e genitori. Conseguenza diretta della perdita di quel concetto di autorità (non di autoritismo) che forse andrebbe recuperato soprattutto nelle scuole.

#insegnante #aggressione #cagliari
caricamento in corso...
caricamento in corso...