Legge elettorale, Becchi: "Non serviranno larghe intese. Il centrodestra vince"

10 ottobre 2017 ore 17:32, Americo Mascarucci
Il Governo ha dato il via libera al voto di fiducia sulla nuova legge elettorale, il Rosatellum bis, fra le proteste del Movimento 5Stelle che ha gridato al golpe. A questo punto l'approvazione in aula del testo appare scontata visto che con il voto di fiducia la legge è messa in salvo rispetto alle temutissime imboscate dei franchi tiratori, pronti ad agire con il voto segreto. Se la legge sarà approvata quali scenari si prospetteranno? Intelligonews ne ha parlato con il filosofo Paolo Becchi autore per altro insieme a Giuseppe Palma di un libro sulla storia dei sistemi elettorali intitolato Come finisce una democrazia edito da Arianna come eBook.
Legge elettorale, Becchi: 'Non serviranno larghe intese. Il centrodestra vince'

Come andrà a finire la partita della legge elettorale?

"La legge elettorale passerà perché l'accordo c'è, e naturalmente siamo in presenza di una legge che di fatto andrà a danneggiare il Movimento 5Stelle. Tuttavia chi è cagion del suo mal pianga se stesso perché di fatto sono stati proprio i 5 stelle ad auto escludersi dalla partita relativa alla legge elettorale. Chi ha fatto fallire il tedeschellum che avrebbe portato alla vittoria quasi certa dei pentastellati sono stati loro stessi, anche se oggi vogliono far credere il contrario. L'incapacità amministrativa dei 5Stelle è sotto gli occhi di tutti, ora quanto sta avvenendo sulla legge elettorale certifica anche la loro incapacità politica. Il responsabile di tutto questo si chiama Danilo Toninelli. E' stato lui a gestire in maniera del tutto fallimentare questo processo. Inutile ora parlare di eversione, evocare golpe e tutto il resto. Si sono fatti fuori con le loro stesse mani".

Era opportuno però procedere con il voto di fiducia? In questo modo non si offre acqua alla propaganda grillina?

"Il voto di fiducia sulla legge elettorale fa rabbrividire, ma è assolutamente legittimo. Si può criticare dal punto di vista morale ma è ineccepibile sul piano politico. E badate bene che anche il tentativo dei 5Stelle di far passare il messaggio che Lega e Forza Italia voteranno la fiducia al Governo non ha senso perché basterà che i loro parlamentari escano dall'aula per far approvare la legge".

Quale scenario prevede se il Rosatellum bis sarà approvato? Si avrà la governabilità dopo il voto o saranno necessarie le larghe intese?

"No, non ci saranno larghe intese. Questa legge farà vincere il centrodestra perché non c'è voto disgiunto. Il centrodestra unito ha vinto due volte con il Mattarellum che prevedeva il voto disgiunto, figuriamoci con questa legge che invece lo esclude. Chi vota il candidato nell'uninominale automaticamente vota anche la lista cui è collegato. La mancanza del voto disgiunto aumenta le possibilità di vittoria del centrodestra. Il Pd perderà perché risentirà della crisi che stanno vivendo in tutta Europa le socialdemocrazie. Non saranno i voti di Pisapia ad evitare a Renzi la sconfitta. Il problema poi sarà capire come potrà governare il centrodestra. Se nel 1994 la vittoria si tradusse in una tragedia politica, stavolta potrebbe tradursi in una farsa. Quali saranno i programmi di governo? Come concilieranno le divergenze e le contraddizioni Berlusconi e Salvini?"

In sostanza, le piace o no questa legge elettorale?

"E' una porcata due. Una legge elettorale che blocca capilista e lista non può essere una buona legge. Gli italiani andranno a votare con questo sistema, poi non è escluso che fra dieci anni arrivi la Consulta a dirci che è anticostituzionale come avvenuto con il porcellum" 
caricamento in corso...
caricamento in corso...